Caffe’ e ciambellone, grazie | BAR GIOLITTI a ROMA

Dicono che il gelato che si mangia qui non lo si trovi in tutta Roma.
Un bar storico in uno dei quartieri più caldi e popolari della Capitale, quello di Testaccio, dove il tempo si è fermato a quel dì.

Il Giolitti è stato aperto nel 1914, come mi racconta chi sta dietro al bancone che sotto la camicia indossa una t-shirt con il marchio storico del locale mentre mi serve una fetta spessa più del normale di ciambellone cioccolato vaniglia.

La mangio mentre mi guardo intorno e osservo le persone che entrano per un caffè, i turisti che sbirciano, le due ragazze sedute al tavolino vicino alla vetrina che si ripetono l’un l’altra la lezione di filosofia, la ragazza che poggia una borsa Fendi su uno dei tavolini e la fotografa per poi fuggire via con un “grazie” a chi presidia la cassa.

Poi inizio a fotografare, mi accorgo di come un luogo pubblico e mai visto prima possa essere così familiare per i modi, le persone e quelle affinità quasi domestiche che emana.

I rivestimenti interni e gli arredi sono tutti originali tranne una porzione del pavimento ripristinata negli anni ’90 e le sedie dei tavolini. Per il resto il pavimento alla “palladiana”, i marmi e i tavolini (pesantissimi!), le illuminazioni, il bancone e persino la macchina per la panna del 1936 sono originali e sembrano non aver subito i danni del tempo.

I pavimenti sono alla “palladiana” originali con i tipici colori del marmo usato in quell’epoca ossia beige e panna con inserti grigio scuro, legati dal mix sabbia cemento color marrone.

Le pareti dietro al bancone in ingresso sono rivestite da una boiserie in legno mentre le pareti della sala con i tavolini sono rivestire in marmo originale. I due grandi lampadari che illuminano le due sale hanno paralumi sferici di vetro opaline come le applique alle pareti.

I tavoli, originali, sono in legno e hanno il pian in marmo che li rende davvero pesanti. Sono piccoli e hanno una struttura incrociata sotto al piano che gli dona stabilità.

Se vuoi bere un caffè e mangiare un maritozzo con la panna trovi il Giolitti in via Amerigo Vespucci al n. 20, Roma.
Probabilmente ci incroceremo li.



fotografie Serena Barison | Picsilli